Navigation

Usa: la sabbia del Sahara arriva nel Golfo del Messico

Foschia dovuta alla sabbia del Sahara (Porto Rico) KEYSTONE/EPA/Thais LLorca sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 25 giugno 2020 - 21:05
(Keystone-ATS)

Ha percorso più di cinquemila miglia, spinta dai venti, partendo dall' Africa, passando per i Caraibi, ed arriva oggi nel Golfo del Messico, negli Stati Uniti: è la 'polvere' del Sahara. Una sabbia sottilissima, che renderà i cieli di mezza America color latte.

Ma questa volta, la polvere del deserto ha una densità senza precedenti, una concentrazione di micro-particelle che non si è attenuata nel viaggio e rischia di creare anche problemi di salute. Non è ancora chiaro quali saranno tutte le aree colpite dal fenomeno.

"La polvere provocherà foschia generalizzata e in alcune aree riduzione della visibilità e diminuzione della qualità dell'aria", prevede il Centro meteorologico Usa. Dal punto di vista paesaggistico - dicono i meteorologi - "Ciò porterà anche dei tramonti speciali con colori accesi dall'arancio al rosso profondo".

Ma i medici temono gli effetti dell'inalazione di queste polveri sull'apparato respiratorio, già a rischio per il covid-19. Le sabbie africane copriranno nel fine settimana proprio le aree recentemente più colpite dal coronavirus: Texas, Alabama, Florida.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.