Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Eric Cantor, il leader della maggioranza repubblicana della Camera perde a sorpresa le primarie nel suo collegio della Virginia, dopo 13 anni di dominio assoluto. Lo ha battuto con un secco 56 a 44% Dave Brat, misconosciuto professore ultraconservatore di economia all'Università dello Stato. Un voto che rappresenta un terremoto per il Grand Old Party e rilancia inaspettatamente al livello nazionale il ruolo del Tea Party all'interno della destra americana.

Cantor, 51 anni, figura di spicco del partito, era di fatto il leader predestinato a prendere il posto di John Boehner, quello di speaker della House, alle prossime elezioni di medio termine. Ma questo voto choc ha di fatto distrutto la sua promettente carriera politica.

È stata una sorte di vittoria di Davide contro Golia: Brat ha speso nella sua campagna tutta 'porta a porta' non più di 100'000 dollari. Cantor, invece, ha investito sulla sua rielezione dieci volte di più, circa 1 milione di dollari. Ma invano.

Secondo gli osservatori si tratta di una delle più incredibile sconfitte nella storia dell'establishment repubblicano, che potrebbe condizionare anche i rapporti futuri tra i 'patrioti' anti-tasse e anti-stato e i vertici del partito in vista del voto di novembre.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS