Navigation

Usa: meno nascite per quarto anno consecutivo

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 ottobre 2012 - 19:35
(Keystone-ATS)

Gli esperti di statistica Usa la chiamano "recessione ad effetto anticoncezionale". Per il quarto anno consecutivo, nonostante un rallentamento, il numero delle nascite negli Stati Uniti è diminuito, e gli analisti ritengono che sia legato alla crisi economica.

Nel 2011 ad esempio il numero di bambini venuti alla luce è risultato inferiore dell'1% rispetto all'anno precedente: un calo dunque, ma meno di quello registrato negli anni precedenti, quando la crisi finanziaria del paese si stava aggravando. Dal 2008 al 2010 le nascite erano scese in media del 2-3% l'anno.

Il calo delle nascite è un fenomeno assolutamente nuovo negli Usa, dove sino a 2007 si registrava al contrario un incremento annuale: nel 2007 ci furono 4.3 milioni di nascite. Nel 2011 sono state meno di 4 milioni, il dato inferiore mai registrato dal 1998.

A colpire è in particolare la diminuzione delle nascite per le donne di origine ispanica (meno 6%), per le single (meno 3%), e per le ventenni (meno 5%). Fattore positivo è il crollo dell'8% delle nascite tra le adolescenti. A continuare ad avere figli in misura stabile sono state invece le trentenni e addirittura in salita risultano le nascita tra le ultra 35: secondo gli esperti ciò dipende dal fatto che le donne più mature hanno impieghi e condizioni finanziarie più stabili.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?