Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Si allarga sempre di più negli Usa la protesta per l'incremento del salario minino. Al grido di 'Fight for $15' (lotta per i 15 dollari) migliaia di manifestanti hanno marciato da un capo all'altro del paese invocando l'aumento a 15 dollari. S

Sotto attacco soprattutto McDonalds, la più grande catena al mondo di fast food e dove la media salariale è di circa otto dollari all'ora. Il gigante dell'hamburger è nel mirino inoltre per il suo potere di influenzare l'andamento dei salari.

A New York i manifestanti hanno approfittato del gala repubblicano a Midtown, dove era presente anche l'aspirante candidato alla Casa Bianca Donald Trump, per far sentire la loro voce. A Los Angeles invece hanno marciato dietro uno striscione gigantesco con la scritta: 'McJobs hurt us all' (i lavori McDonald's fanno del male a tutti). Ma la protesta è andata anche oltre i confini americani. I manifestanti si sono riuniti davanti al McDonald's di Euro Disney a Parigi e davanti al quartier generale della catena in Corea del Sud.

La protesta per i 15 dollari era stata lanciata dai dipendenti di fast food nel 2012, ma si è poi allargata fino a comprendere tutti i lavori appunto retribuiti con un salario minimo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS