Navigation

Usa: nel mirino le acquisizioni delle big dell'hi-tech

Google è fra le aziende sotto osservazione. KEYSTONE/AP/MARCIO JOSE SANCHEZ sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 11 febbraio 2020 - 19:31
(Keystone-ATS)

Le 'big five' dell'hi-tech statunitense finiscono nel mirino della Federal Trade Commission (Ftc).

L'authority antitrust vuole vederci chiaro sulle acquisizioni degli ultimi anni e così ha chiesto ad Amazon, Apple, Facebook, Microsoft e Google tutte le informazioni sulle operazioni compiute dal 2010 ad oggi. Un mossa che potrebbe aprire la strada a una serie di indagini.

La richiesta di informazioni, comunque, non dovrebbe riguardare le operazioni più importanti degli ultimi anni, come l'acquisto da parte di Facebook di Instagram e di WhatsApp, che già sono state a suo tempo al vaglio delle autorità federali.

Piuttosto si indagherà sulle acquisizioni più piccole, quelle che di solito non necessitano di una particolare notifica alle autorità antitrust e che hanno un valore inferiore ai 90 milioni di dollari. La mossa della Ftc è tesa a comprendere meglio come le Big Tech usano le acquisizioni per accumulare potere e come i dati delle società acquisite vengono utilizzati.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.