Navigation

Usa: nero ucciso mentre fa jogging, monta la protesta

Alcuni manifestanti chiedono giustizia per Ahmaud Arbery - e altri - a Brunswick, Georgia. Keystone/AP The Brunswick News/BOBBY HAVEN sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 07 maggio 2020 - 22:00
(Keystone-ATS)

Monta la protesta negli Usa dopo il video shock sull'uccisione a fine febbraio di Ahmaud Arbery, 25 anni, un giovane afroamericano freddato in Georgia mentre faceva jogging da un ex agente e dal figlio, entrambi bianchi.

Volevano farsi giustizia da soli, convinti che si trattasse di un ladro, e dopo oltre due mesi non sono stati né arrestati né incriminati. Neppure dopo il terribile filmato di 36 secondi girato da un testimone anonimo e postato online da un attivista, scatenando un'ondata di indignazione in tutto il paese.

Ora la sua famiglia chiede le manette e un'indagine per crimine d'odio: "quegli uomini erano vigilanti e hanno compiuto un linciaggio moderno in pieno giorno", ha denunciato il loro avvocato. Ma ad indignarsi e a chiedere giustizia sono in molti, mentre nella comunità afroamericana cresce la rabbia e si evocano i numerosi precedenti.

Arbery è stato ammazzato mentre era uscito per fare il suo jogging quotidiano, nella cittadina di Brunswick. Quando lo hanno visto passare davanti a casa, Gregory McMichael, un ex agente di 64 anni, e suo figlio Travis (34), hanno preso le loro armi, un revolver Magnum 357 e un fucile, sono saliti sul loro pickup e lo hanno inseguito. Il primo ha raccontato alla polizia che gli sembrava il ladro d'appartamento filmato da una telecamera di sorveglianza. Nel video shock si vede una lite che si conclude con gli spari contro Arbery.

Prima di autoricusarsi per i legami con i due sospetti, due procuratori avevano invocato la legge statale che giustifica la caccia ad un sospetto e l'autodifesa. Ora un terzo procuratore ha promesso un gran giurì, che tuttavia non potrà riunirsi presto a causa del coronavirus.

E mentre la protesta cresce, arriva la notizia di un altro giovane afroamericano, Sean Reed, 21 anni, ucciso a Indianapolis alla fine di un inseguimento della polizia mentre trasmetteva in diretta Facebook quelli che sarebbero diventati gli istanti finali della sua vita.

Il video solleva perplessità sull'operato degli agenti, che hanno sparato almeno una dozzina di colpi. La polizia si è affrettata a precisare che l'agente coinvolto era nero. Ma ciò non sembra giustificare un intervento che appare brutalmente sproporzionato alla minaccia.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.