WASHINGTON, - "Abbiamo commesso errori inaccettabili. Non dovrà più accadere". Il presidente Barack Obama, parlando all'America dopo un vertice alla Casa Bianca sulla mancata strage terroristica di Natale, non ha nascosto il suo furore per gli errori commessi dall'intelligence.
Obama ha sottolineato che l'attacco, con lo studente nigeriano Umar Faruk Abdulmutallab in grado di salire a bordo dell'aereo Usa con esplosivo nascosto nelle mutande, avrebbe potuto avere "conseguenze potenzialmente disastrose" con la morte di centinaia di persone.
"L'intelligence sapeva che il fallito attentatore era stato nello Yemen e che si era unito agli estremisti - ha detto Obama - Sappiamo anche che nello Yemen ci sono altri estremisti pronti a colpire. Avevamo abbastanza informazioni per fermarlo. La sicurezza ha fallito in maniera disastrosa".
Obama ha lanciato il guanto di sfida ad Al Qaida. "Siamo determinati a smantellare le reti terroristiche una volta per tutte", ha detto. "Attaccheremo Al Qaida ovunque tenti di radicarsi e distruggeremo questa organizzazione terrorista".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.