Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Barack Obama onora il suo vice Joe Biden con la medaglia presidenziale della libertà.

Keystone/EPA/MICHAEL REYNOLDS

(sda-ats)

Il presidente uscente Barack Obama ha onorato il suo vice Joe Biden con uno speciale riconoscimento, la medaglia presidenziale della libertà, onorificenza in passato riservata da suoi predecessori a pochissime personalità, come Giovanni Paolo II e Ronald Reagan.

La medaglia è stata consegnata in una cerimonia a sorpresa che Obama ha voluto alla Casa Bianca, un vero e proprio tributo durante il quale ha definito Biden "il miglior vicepresidente che l'America abbia mai avuto" e "un leone della storia americana".

Joe Biden, commosso, è stato accolto da un lungo applauso e da un'ovazione. "Sei la prima decisione che ho preso da presidente eletto ed è stata la migliore", ha aggiunto Barack Obama che ha ribadito, come sottolineato in più occasioni, la profonda amicizia che lo lega al suo numero due.

"È più di ciò che merito" ha detto commosso il vicepresidente uscente. Il gesto di Obama ha colto Biden del tutto di sorpresa: "Non ne avevo la minima idea" ha detto, "è un onore non solo aldilà di quanto merito, ma è l'espressione della generosità del presidente. So che viene dal suo cuore".

In un intervento in cui ha a sua volta sottolineato la profonda amicizia che lo lega ad Obama, nata e cresciuta nel corso dei due mandati alla Casa Bianca, Biden ha sottolineato che "nessun presidente e il suo vice sono mai stati cosi' legati".

Un momento di particolare commozione alla Casa Bianca nel tributo che Obama ha voluto per Biden, una delle ultime cerimonie previste alla residenza presidenziale prima del passaggio di consegne definitivo con l'amministrazione del presidente Donald Trump che si insedierà il prossimo 20 gennaio.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS