Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il presidente americano Barack Obama ha firmato ieri il compromesso bipartisan del Congresso sul budget, che elimina i tagli automatici alla spesa. Lo comunica la Casa Bianca. Si tratta di un pacchetto di misure da 85 miliardi di dollari che aumenta le spese del Pentagono e delle agenzie federali nei prossimi due anni.

Il compromesso bipartisan raggiunto fra repubblicani e democratici a Senato e Camera l'11 dicembre e approvato in via definitiva il 18, chiude una crisi durata tre anni dopo la sciagurata esperienza dello "shutdown" dello scorso ottobre, quando l'America quasi si fermò per mancanza di fondi - e corse anche il rischio di default.

L'intesa prevede un pacchetto di misure da 85 miliardi di dollari che pongono fine al cosiddetto 'sequester', i tagli automatici ed orizzontali previsti dalla legge in mancanza di un accordo sul bilancio.

I passaggi più significativi della nuova finanziaria riguardano l'aumento delle spese del Pentagono e delle agenzie federali nei prossimi due anni, che saranno coperti con 63 miliardi di dollari che proverranno - tra l'altro - da un aumento delle tasse sui biglietti aerei (anche al fine di migliorare la spesa per la sicurezza), da tagli alle pensioni dei dipendenti federali e dei militari, e da un aumento dei premi per le assicurazioni federali.

L'accordo non comprende l'estensione dei benefici per la disoccupazione di lunga durata fortemente voluta dai democratici e chiesta da Obama, che oggi ha apposto la sua firma dalle Hawaii, dove si trova in vacanza.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS