Navigation

Usa: Obama in vacanza in Maine, perché non Golfo Messico?

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 luglio 2010 - 19:28
(Keystone-ATS)

WASHINGTON - È polemica negli Stati Uniti sulla vacanza di tre giorni in Maine della famiglia Obama. Il presidente, la moglie Michelle e le figlie Sasha e Malia sono da ieri in vacanza a Bar Harbor, localita' turistica sulla costa atlantica dove la famiglia Obama intende "staccare la spina" per l'intero fine sttimana, come hanno riferito i collaboratori del presidente.
Ma la scelta della First Family ha suscitato piu' di una critica dal fronte conservatore, che accusa sia Barack, sia Michelle Obama di "ipocrisia": sarebbero dovuti andare a trascorrere il fine settimana in una qualsiasi localita' del Golfo del Messico, là dove il turismo americano e' alle prese con l'emergenza marea nera.
Michelle Obama nei giorni scorsi si era recata in visita in Florida, proprio a sostegno dell'industria turistica del Golfo. La First lady si era fatta riprendere mentre passeggiava a piedi nudi sulla sabbia bianca di una spiaggia e, dopo essersi incontrata con la popolazione locale, aveva entusiasticamente invitato i turisti americani ad andare in vacanza sul Golfo.
"Se davvero volete dare una mano - aveva detto Michelle da una spiaggia della Florida - venite a spendere qualche soldo da queste parti. Le spiagge sono bellissime". Sul sito internet del Partito Repubblicano le sue parole sono state oggi riprese per accusare la First Family di ipocrisia. "Ma come? Prima invitano ad andare in vacanza in Florida e poi loro vanno in vacanza in Maine?".
Una polemica ripresa anche da altri siti e commentatori conservatori. Come il sito di Michelle Malkin, opinionista conservatrice che ha lavorato sia per la MSNBC sia per la Fox. la Malkin ha titolato cosi' il suo blog di giornata: "Michelle Obama: 'Venite in vacanza nel Golfo. Se avete bisogno di noi, saremo in...Maine". Un titolo che non e' sfuggito al New York Times, che dedica alle vacanze presidenziali un servizio non esente da critiche, mentre i Repubblicani dal loro sito accusano esplicitamente di "ipocrisia" la scelta della First Family.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.