Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un rapporto fatto di gelosie, non funzionale: al di là dell'apparenza pubblica Barack e Michelle Obama e Bill e Hillary Clinton si detestano. A scattare la fotografia di un rapporto di odio privato e amore pubblico è 'Blood Feud', il libro del giornalista Edward Klein in uscita nei prossimi giorni e di cui il New York Post riporta degli estratti.

"Odio Obama più di chiunque altra persona che ho mai incontrato" avrebbe detto l'ex presidente americano Bill Clinton a un suo amico in un'occasione, sottolineando che non avrebbe mai perdonato l'attuale inquilino della Casa Bianca per aver lasciato intendere, durante la campagna del 2008, che Clinton era un razzista. Un odio contraccambiato: Michelle Obama ha in varie occasioni lanciato frecciatine contro Hillary, e trascorso molte serata in un angolo tranquillo della Casa Bianca con la consulente Valerie Jarrett a fare gossip sul loro soggetto preferito, Hillary soprannominata 'Hildebeest', lo gnu con la criniera disordinata che vive nel Serengeti, in Africa.

Gli attriti non si sono placati neanche quando Obama, su pressing del suo staff, si è convinto che aveva bisogno dell'appoggio di Bill Clinton nel 2012 per vincere. E lo ha chiamato per una partita di golf. "Da quando ho lasciato la Casa Bianca ho avuto due successori, Bush e Obama, e ho sentito più Bush chiedere miei consigli che Obama. Non ho rapporti con il presidente" avrebbe detto Bill Clinton. Durante la partita di golf, Clinton avrebbe più volte indicato che Hillary avrebbe potuto candidarsi nel 2016 ed essere forse la candidata più qualificata della storia. Obama ha ascoltato e poi, cogliendo Clinton di sorpresa, avrebbe detto: "Anche Michelle sarebbe una grande candidata".

Una giornata di particolare tensione fra le due coppie è stata il primo marzo 2013, il giorno dell'entrata in vigore dei tagli automatici alla spesa. Le due coppie hanno cenato insieme alla Casa Bianca: una cena tesa durante la quale i due presidenti avrebbero alzato reciprocamente la voce. Al termine della cena, trascorsa nel finale giocando con il Blackberry sotto il tavolo, Obama avrebbe detto: "È per questo che non lo invito mai".

SDA-ATS