Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un agente di polizia ha ucciso un giovane afroamericano disarmato dopo una lite in Texas. L'incidente si è verificato a un anno di distanza dall'uccisione, sempre per mano di un poliziotto, di Michael Brown a Ferguson.

La polizia di Arlington, in Texas, ha già avviato indagini sul caso per verificare se l'agente, Brad Miller, abbia usato eccessiva forza. Il poliziotto è stato messo in congedo. "Le indagini saranno approfondite e trasparenti. La comunità lo merita", ha affermato il sergente Paul Rodriguez del Dipartimento di polizia di Arlington, sottolineando che il 19enne era sospettato di un furto e "dopo una lite è stata usata la forza".

Il ragazzo afroamericano, identificato come Christian Taylor, è finito con la sua auto contro la vetrina di un concessionario di auto Buick. Gli agenti stavano rispondendo a una chiamata per furto, quando si sono accorti della vettura di Taylor contro la vetrina. Si sono avvicinati e, dopo un confronto, almeno un poliziotto ha sparato. Taylor era una giocatore di football alla Angelo State University di San Angelo, in Texas.

Le indagini saranno svolte con l'aiuto delle telecamere posizionate all'interno del concessionario, per verificare se l'uso della forza contro il ragazzo sia stato eccessivo e se fosse in linea con quanto previsto dal Dipartimento di polizia.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS