Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Via il divieto che impedisce ai ragazzi gay di entrare negli scout americani. È l'ultimo affondo nella crociata che Barack Obama sta oramai portando avanti a spada tratta: una battaglia perché negli Stati Uniti le persone omosessuali possano godere degli stessi diritti di tutti gli altri cittadini. Come ha affermato solennemente davanti a milioni di persone nel discorso che ha aperto il suo secondo mandato presidenziale.

"Da presidente - ha spiegato Obama nel corso dell'ultima intervista alla Cbs, quella andata in onda prima del Super Bowl e dunque seguita da milioni di telespettatori - credo che debbano cadere tutte le barriere, e che si debba garantire accesso e opportunità a tutti i cittadini americani, ovunque". Di qui l'invito ad una svolta storica per gli scout americani: "Sono una grande organizzazione e spero che tolgano ogni divieto", ha detto a chiare lettere.

L'autorevole intervento non arriva a caso. Proprio questa settimana il board della 'Boy Scout of America' dovrà riunirsi in Texas e - nonostante fortissime resistenze a tutti i livelli - potrebbe prendere la storica decisione di togliere il bando sui gay. Decisione voluta da una parte dei vertici anche per mostrare un volto nuovo e più tollerante dell'associazione, finita di recente nell'occhio del ciclone per uno scandalo di pedofilia che ha sconvolto l'America.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS