Navigation

Usa: scandalo squillo, altri tre agenti si dimettono

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 aprile 2012 - 09:18
(Keystone-ATS)

Altri tre degli agenti del Secret Service degli Stati Uniti implicati nello scandalo delle squillo in Colombia hanno lasciato l'agenzia, presentando le dimissioni.

Lo ha reso noto lo stesso Secret Service, precisando che gli agenti coinvolti nella vicenda sono in tutto 12 e non 11 come indicato finora. Sale dunque così così a sei, finora, il numero degli agenti allontanati dal corpo federale di elite incaricato della protezione del presidente degli Stati Uniti.

Già due giorni fa, uno degli agenti coinvolti è stato licenziato, un altro ha presentato le dimissioni e un terzo ha accettato di andare in pensione. Ufficialmente sono stati accusati di 'cattiva condotta', ed immediatamente sospesi, per essersi portati in albergo a Cartagena, in Colombia, delle prostitute alcune ore prima che arrivasse il presidente Barack Obama, per il Vertice delle Americhe.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?