Navigation

Usa: Senato boccia tassa su milionari. Obama: "inaccettabile"

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 ottobre 2011 - 15:18
(Keystone-ATS)

"Inaccettabile": è la reazione del presidente Barack Obama al nuovo stop imposto dai repubblicani al piano sull'occupazione. Il Senato, infatti, ha bocciato la norma che introduce la tassa sui più ricchi, quella che servirebbe a creare almeno 400'000 nuovi posti di lavoro.

"Per la seconda volta in due settimane - denuncia Obama - ogni singolo repubblicano al Senato ha scelto l'ostruzionismo su un provvedimento che permetterebbe una ripresa dell'economia."

Il Senato ha respinto un provvedimento del piano per il lavoro del presidente che prevedeva di introdurre maggiori tasse per i ricchi per favorire la creazione di 400.000 posti di lavoro per insegnati, vigili del fuoco, poliziotti e volontari del pronto soccorso con una spesa di 35 miliardi di dollari.

I repubblicani si sono opposti. Ci volevano 60 voti per permettere un esame del testo, mentre hanno votato 50 a favore e 50 contro. Al Senato i Democratici hanno la maggioranza, ma i Repubblicani dispongono di una minoranza che riesce a bloccare i provvedimenti.

Subito dopo i Democratici, sempre in Senato, hanno bloccato un tentativo dei Repubblicani di abrogare un provvedimento che prevede una ritenuta fiscale del 3% sul commercio che diventerà legge il primo gennaio 2013.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?