Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Con l'opinione pubblica sempre più infuriata nei loro confronti per le conseguenze dello shutdown del governo, alcune decine di parlamentari Usa hanno annunciato che non accetteranno il loro salario o lo gireranno in beneficenza per tutta la durata della chiusura della pubblica amministrazione.

Per legge i parlamentari Usa, al pari del presidente e dei ministri, continuano ad essere pagati perché il loro lavoro, autorizzato dalla Costituzione, viene ricompensato con fondi "obbligatori", non iscritti cioè nelle leggi annuali di spesa. Deputati e senatori guadagnano 174 mila dollari lordi all'anno con i leader di Capitol Hill come lo Speaker John Boehner che portano a casa 223 mila dollari. Ma con le polemiche crescenti che vedono il Congresso al fanalino di coda del gradimento degli americani, una settantina di parlamentari, metà repubblicani e metà democratici, hanno annunciato che rinunceranno alla paga.

"Dobbiamo dare l'esempio, mettendo la gente davanti alla politica", ha detto il democratico Ami Bera: "Se il Congresso non può fare il suo lavoro certamente non dovrebbe essere pagato durante una crisi". Per Chris Collins, repubblicano di New York, il Congresso "è stato mandato a Washington con un incarico. Se non riusciamo ad assolverlo, non dobbiamo prendere lo stipendio che è pagato con le tasse degli americani".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS