Navigation

Usa: spunta seconda talpa contro Trump in Ucrainagate

Aumenta la pressione sulle spalle del presidente statunitense Donald Trump (foto d'archivio) KEYSTONE/EPA UPI POOL/TASOS KATOPODIS / POOL sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 06 ottobre 2019 - 15:38
(Keystone-ATS)

Si è fatta avanti una seconda talpa per denunciare le pressioni del presidente statunitense Donald Trump sull'Ucraina per far indagare i Biden. Lo ha reso noto il suo avvocato, Mark Zaid, alla Abc.

Il whistleblower ha informazioni di prima mano, a differenza di quello precedente, la cui denuncia ha fatto scattare l'indagine di impeachment. La nuova talpa ha già parlato con l'ispettore generale dell'intelligence.

Anche la seconda talpa, come la prima, è un dirigente dell'intelligence, riferisce Abc citando l'avvocato Mark Zaid, che rappresenta entrambi.

L'esistenza di un secondo "informatore", in particolare uno che può parlare direttamente degli eventi che coinvolgono il tycoon in relazione alla telefonata al presidente ucraino per far indagare i Biden, potrebbe vanificare l'accusa di Trump che la prima denuncia sia inaccurata e basata su informazioni di seconda mano.

Zaid ha precisato che la seconda talpa, dopo aver parlato con l'ispettore generale dell'intelligence, non ha ancora comunicato con le commissioni parlamentari che conducono l'indagine di impeachment.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.