Navigation

Usa: Statua della Libertà chiuderà un anno per restauri

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 agosto 2011 - 17:32
(Keystone-ATS)

'Lady Liberty', la statua simbolo di New York e degli Stati Uniti, si rifà il trucco: dal 29 ottobre, il giorno dopo il suo 125/mo compleanno, verrà chiusa al pubblico per restauri, che dovranno terminare nel giro di un anno e la renderanno più bella, ma soprattutto più sicura.

Già dopo gli attacchi dell'11 settembre 2001, il governo federale decise di chiudere l'accesso alla Statua della Libertà, uno dei monumenti nazionali più visitati negli Usa, considerando che in caso di emergenza i soccorritori non sarebbero stati in grado di intervenire adeguatamente.

Dopo tre anni di lavori e 6,7 milioni di dollari di investimento, fu quindi riaperta al pubblico la base e la terrazza. Poi, il 4 luglio del 2009, anche la corona. Ora è tempo però di completare quei lavori con altri 27,25 milioni di dollari per restauri e per ampliare i dispositivi di sicurezza anti-incendio, nonché per ammodernare gli equipaggiamenti elettrici e meccanici.

"Ora è sicura, ma lo sarà molto di più quando avremo finito", ha affermato David Luchsinger, sovrintendete del monumento e di Ellis Island, l'isola dove sorge, citato oggi dal New York Times. Altre fonti ufficiali assicurano che l'accesso al pubblico sarà riaperto entro il 126/mo anniversario dell'inaugurazione, che avvenne il 28 ottobre del 1886. Nel frattempo, Ellis Island continuerà ad accogliere i visitatori che vorranno vedere da vicino l'icona del 'sogno americano', seppur senza poterla visitare dall'interno.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?