Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le stragi di massa come le malattie: sono contagiose. A rivelarlo è uno studio dell'Arizona State University, secondo cui quando si verifica una strage, con oltre quattro vittime, è probabile che eventi simili si ripetano nei successivi tredici giorni.

Nel raggiungere tale conclusione, gli studiosi hanno analizzato i dati riguardanti stragi di massa di alto profilo e sparatorie all'interno di istituti scolastici. Nel 20/30% dei casi si è verificata una situazione di 'contagio'.

"Abbiamo scoperto - ha spiegato la ricercatrice Sherry Towers - che quando ci sono stragi di massa o sparatorie a scuola che attirano attenzione nazionale sui mezzi di informazione potenzialmente può riaccadere lo stesso, ma ad una portata maggiore".

Secondo i ricercatori, quindi, in questo i media sono come un vettore che arriva alle persone più vulnerabili e sono anche quelle che hanno regolare accesso alle armi oltre ad avere probabilmente problemi mentali.

"Una volta che queste persone sono 'infettate - scrive Cnn citando la Towers - con la notizia di una sparatoria data dai media a livello nazionale, i dati mostrano che quella persona potenzialmente può' commettere lo stesso crimine". La Towers ha anche specificato che l'effetto contagio non si verifica quando la copertura mediatica resta a livello locale.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS