Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Ancora un bagno di sangue in una scuola americana: una ventina di studenti di un liceo nei pressi di Pittsburgh, in Pennsylvania, sono stati feriti questa mattina a coltellate da un loro compagno: alcuni versano in condizioni gravi: la loro vita è in pericolo, hanno riferito fonti mediche. L'aggressore è un sedicenne, che è stato infine bloccato e ammanettato da un addetto alla sicurezza della scuola, rimasto a sua volta ferito.

Tutto si è svolto poco dopo l'apertura dei cancelli della sua scuola, la Franklin Regional High School di Murrysville, verso le 7.15. Il ragazzo, per motivi ancora da chiarire, ha improvvisamente aggredito come una furia i suoi compagni, usando due coltelli contemporaneamente: li ha rincorsi nei corridoi, davanti agli armadietti, e poi sulle scale, e anche in diverse classi del primo piano. Qualcuno per fortuna ha prontamente fatto suonare l'allarme, e in molti, in preda al panico, sono corsi a cercare riparo. Molti altri non sono però riusciti a nascondersi, e sono stati travolti dalla violenza del sedicenne.

Sono stati attimi di "caos", ha raccontato uno studente rimasto illeso: "c'era sangue dappertutto, all'ingresso, sulle scale e nei corridoi". Tutti i feriti sono di età compresa tra i 14 e 17 anni, tranne l'agente della sicurezza, sulla sessantina. Quattro dei feriti più gravi sono stati trasportati in ospedale in elicottero, e tre sono stati immediatamente sottoposti ad intervento chirurgico. Quelli giudicati in condizioni critiche sono almeno sette. Hanno subito ferite al torace, all'addome o alla schiena.

Si tratta di ferite "serie", ha affermato il dottor Chris Kaufmann del Forbes Regional Hospital, dove alcuni dei feriti sono stati ricoverati. Sono ferite che li mettono "in pericolo di vita", ha detto. Uno di loro, hanno riferito fonti mediche, deve la vita ad una sua compagna, che gli ha tamponato una profonda ferita fino all'arrivo dei soccorsi.

Come normalmente accade in questi casi, il presidente Barack Obama è stato prontamente informato, ha fatto sapere la Casa Bianca. Obama è peraltro oggi in viaggio in Texas per prendere parte assieme alla first lady alla cerimonia funebre in memoria delle vittime della sparatoria avvenuta giorni fa nella base militare di Fort Hood, in cui tre persone sono state uccise e 16 altre ferite da un militare che si è poco dopo ucciso. Una tragedia a cui ieri ne ha fatto seguito una simile, quando nella base di Camp Lejeune, in Nord Carolina, un marine è stato ucciso da un suo commilitone a colpi di fucile.

SDA-ATS