Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Per identificare una persona, che si tratti di un'indagine di polizia o una ricerca archeologica, ci sarà presto un altro test, forse anche più affidabile di quello del DNA: sarà quello fatto sulle proteine dei capelli, meno soggette a degradarsi e perciò più stabili.

Lo hanno verificato i ricercatori guidati da Glendon Parker, del Lawrence Livermore National Laboratory, grazie a un nuovo metodo descritto sulla rivista Plos One.

Il DNA è unico per ogni individuo, ma i processi chimici e ambientali possono danneggiarlo nel tempo, limitandone l'utilizzo. Le proteine invece sono più stabili e possono subire delle variazioni uniche per ogni individuo.

I ricercatori hanno esaminato i campioni di capelli di sei persone, vecchi fino a 250 anni, per dimostrarne la resistenza, insieme ai capelli di 76 persone ancora vive, discendenti di americani europei e africani. In questo modo hanno potuto identificare 185 marcatori di proteine dei capelli, che secondo gli studiosi dovrebbero bastare a distinguere una persona dalle altre.

I ricercatori sperano di arrivare a individuare un gruppo di un centinaio di proteine, sufficienti a identificare un individuo dal resto della popolazione mondiale, usando un singolo capello.

''Questo metodo può rappresentare una svolta per le indagini della polizia scientifica - commenta Brad Hart, coautore dello studio - e anche se abbiamo compiuto molti progressi, ci sono ancora altri passi da fare prima che questa tecnica raggiunga il suo pieno potenziale''.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS