Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

WASHINGTON - Nessun danno grave, ma tanta paura nel pomeriggio di Pasqua a Los Angeles, a San Diego e nella parte meridionale della California, lungo il confine col Messico: una scossa di terremoto di intensità a pari a 7.2 sulla scala Richter - ad Haiti la magnitudo fu di 7.0 - ha interessato una zona di centinaia di chilometri, ed è stata chiaramente avvertita dalla popolazione, facendo tremare grattacieli, bloccando gli ascensori e portando alla chiusura immediata di parchi divertimenti come quello di Disneyland.
L'Istituto geofisico americano ha reso noto che l'epicentro del sisma è stato registrato ad una decina di chilometri di profondità nella zona di Guadalupe Victoria, località messicana della Bassa California lontana un centinaio di chilometri dal confine con gli Stati Uniti.
La scossa è stata forte, anzi fortissima, al punto che ad essa ne sono seguite altre 18. Lo sciame sismico ha fatto tremare i grattacieli di Los Angeles, quelli di San Diego, e testimoni hanno riferito di aver percepito il movimento tellurico anche a Las Vegas, in Nevada, e addirittura a Phoenix, in Arizona, che dal punto dell'epicentro dista centinaia di chilometri.
I sismologhi Usa hanno precisato che le scossa telluriche sono state in tutto 19: 16 in territorio americano, 3 in territorio messicano. Oltre a quella di 7,2 gradi di intensità ne sono state registrate una di 4.7 gradi a Calixico (California) e una di 5.1 gradi a Imperial (California), tutte nella zona di confine tra Stati Uniti e Messico.
Esperti non hanno escluso che nei prossimi giorni la zona possa essere interessata da un'ulteriore forte scossa di assestamento, che potrebbe essere di analoga intensità.
Le autorità americane non hanno finora avuto segnalazioni di danni importanti. I vigili del fuoco della zona di Los Angeles e San Diego sono state allertati per una 'emergenza terremoto', ma gli interventi sono stati relativamente contenuti e hanno riguardato danneggiamenti lievi.
Le autorità messicane hanno dal canto loro confermato alla CNN che almeno una persona è morta a Mexicali, al confine con gli Stati Uniti. Non sono stati forniti ulteriori dettagli. Le autorità hanno riferito che nella zona sono stati registrati danni a un numero imprecisato di abitazioni, e che alcune persone sono rimaste ferite in modo lieve.
Nelle zone colpite dai terremoti, vi sono inoltre state scene di panico tra la popolazione, con persone che si sono precipitate in strada dopo aver sentito i pavimenti delle case ondeggiare e i muri delle loro case tremare. Molti i casi di persone rimaste chiuse negli ascensori.
Testimoni hanno riferito che nella zona di Los Angeles la scossa è durata quasi un minuto. Anche per questo i responsabili del parco giochi di Disneyland subito dopo il passaggio del sisma hanno deciso di chiudere ogni attrazione, nonostante il parco fosse affollatissimo per la festa di Pasqua.

SDA-ATS