Navigation

USA: UBS paga multa 8 milioni dollari per irregolarità vendite scoperto

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 novembre 2011 - 10:20
(Keystone-ATS)

UBS e la SEC, l'autorità di vigilanza dei mercati finanziari americani, hanno concluso un accordo in base al quale l'istituto di credito elvetico pagherà 8 milioni di dollari quale ammenda per irregolarità avvenute nel settore delle vendite allo scoperto.

Stando a una nota della SEC, UBS Securities non ha rispettato le regole in vigore nel settore. La vendita allo scoperto - o short selling - consiste nella vendita, eseguita nei confronti di terzi, di titoli non direttamente posseduti dal venditore, con l'intento di ottenere un profitto a seguito di un movimento al ribasso delle quotazioni.

Nella sua nota la SEC sostiene che gli impiegati di UBS non identificavano regolarmente - come prevedono le norme in materia - i titoli che stavano per prendere a prestito nel quadro di queste transazioni.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?