Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La polizia dell'Oregon, negli Stati Uniti, ha scoperto un serial killer di prostitute degli anni Ottanta, facendo luce grazie a nuove tecnologie su quattro casi di omicidio che erano rimasti irrisolti all'epoca.

Homer Lee Jackson, 55 anni, di Portland, con precedenti per furto con scasso e armi, è stato arrestato giovedì dalla Cold Case Unit della polizia dello stato, riferisce Fox News sul suo sito.

Jackson è accusato di aver ucciso Angela Anderson, 14 anni, Essie Jackson, 23 e Tonja Harry, 19, nel 1983 e Latanga Watts, 29, nel 1987. Le vittime si prostituivano in strada in un quartiere commerciale. Jackson, Harry e Watts furono strangolate e i loro corpi ritrovati all'aperto. Non è chiaro come fu uccisa Anderson: il suo corpo fu ritrovato nella camera da letto di una casa sfitta.

La Cold Case Unit dell'Oregon aveva ripreso in mano i casi irrisolti 18 mesi fa. Analizzando i reperti con nuove tecniche, non disponibili negli anni Ottanta, gli investigatori si sono convinti che i quattro delitti di prostitute fossero riconducibili allo stesso assassino. Con ulteriori indagini sono risaliti a Homer Lee Jackson.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS