Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

NEW YORK - Crolla ai minimi dal 1999 la compravendita di case esistenti negli Usa a luglio. Lo scorso mese, secondo i dati della National Association of Realtors, le vendite sono crollate del 27,2% a 3,83 milioni di unità, peggiore anche delle stime degli analisti che avevano previsto una flessione del 13,4%. Mentre la vendita delle case unifamiliari è calata ai minimi da maggio 1995.
"La ripresa del settore immobiliare è legata alla ripresa del mercato del lavoro negli Usa", spiegano gli analisti, sottolineando che i "tassi bassi non sono sufficienti a far ripartire il comparto immobiliare". Al 19 agosto scorso il tasso medio sui mutui trentennali negli Usa si attestava al minimo storico del 4,42%, secondo i dati di dell'agenzia Freddie Mac.
Nella prima parte dell'anno il mercato aveva dato segnali di ripresa grazie ad un incentivo fiscale di 8.000 dollari, durato fino al 30 aprile.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS