Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"Sto diventando vecchio proprio al momento giusto": con queste parole rivolte ad alcuni amici di famiglia - come riporta il New York Times - George Bush padre prende le distanze dalla campagna elettorale per la Casa Bianca.

Non nascondendo tutta la sua irritazione per la deriva anti-establishment imboccata dal partito repubblicano e per la performance fin qui più che deludente di suo figlio Jeb Bush.

L'ex presidente, 91 anni, seppur costretto su una sedia a rotelle viene descritto più attivo che mai. Legge tre giornali al giorno, si collega telefonicamente con i briefing dei consiglieri della campagna del figlio Jeb, resta sveglio fino a tardi per seguire i dibatti tv dei candidati alle presidenziali del 2016. Tanto che si racconta come l'ex first lady Barbara lo prenda in giro per quella che sembra essere diventata un'ossessione.

A chi gli sta intorno - racconta ancora il Nyt - Bush padre fa fatica a comprendere la piega che ha preso la campagna elettorale repubblicana. E si dice "sbalordito" da ciò che vede, a partire dal successo di uno come Donald Trump che ha finora oscurato il figlio Jeb. Nonostante quest'ultimo fosse partito con tutti i favori possibili e immaginabili, avendo dietro il marchio 'Bush' e una potentissima macchina da soldi per la raccolta di fondi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS