Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

È partito il conto alla rovescia: l'America saprà a breve se il suo vicepresidente, Joe Biden, intende scendere in campo e sfidare Hillary Clinton per la nomination democratica nella corsa alla Casa Bianca.

Già nel weekend, secondo alcuni, perché Biden ha convocato un 'summit di famiglia' probabilmente per annunciare finalmente la sua decisione. Mentre i suoi sostenitori e finanziatori, attraverso il super-Pac 'Draft Biden' ha già realizzato uno spot televisivo da mandare in onda nel giorno del primo dibattito tv tra i candidati democratici il 13 ottobre. E Hillary è già sul piede di guerra.

Perché se battaglia con Biden deve essere, ebbene, sarà dura. Almeno come nel 2008 contro Obama. Lo staff di Hillary è infatti già al lavoro e sta mettendo a punto una strategia d'attacco per individuare una per una le debolezze dell'ancora potenziale sfidante, stando alle voci che circolano tra Washington e il quartier generale di Hillary a Brooklyn. Di certo comunque nelle ultime ore la ex first lady sta affilando gli artigli.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS