Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Bufera su Jeb Bush. All'indomani della strage al college dell'Oregon, il candidato alla nomination repubblicana per la Casa Bianca ha detto che "sono cose che succedono". La battuta è stata fatta durante una tappa della campagna elettorale in South Carolina.

"Viviamo tempi difficili nel nostro paese e non credo che più governo sia necessariamente la risposta. Ho vissuto anch'io queste cose quando ero governatore perché succedono, e provocano sempre una crisi. L'impulso che ci spinge a reagire non sempre è quello giusto", ha detto Jeb Bush, immediatamente attaccato dai democratici.

Il presidente americano Barack Obama ha indirettamente criticato Bush durante una conferenza stampa alla Casa Bianca: "non credo nemmeno che debba reagire. Credo che il popolo americano sia in grado di fare una valutazione basandosi sul fatto che quasi ogni mese abbiamo una sparatoria di massa e possa decidere se si tratta di 'cose che succedono'", ha detto Obama.

Travolto dalle critiche, Jeb Bush si è poi difeso sostenendo che i suoi commenti non erano riferiti alla tragedia dell'Oregon. "Nella vita succedono diverse cose (...) e a volte cerchiamo soluzioni ai problemi che non li risolvono, ma tolgono libertà e diritti alle persone. Questo è quello che volevo dire", ha replicato.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS