Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Donald Trump e Hillary Clinton, i due frontrunner repubblicano e democratico nella corsa alla Casa Bianca, sono dati ampiamente per favoriti nelle primarie di New York.

Secondo un sondaggio targato Wall Street Journal/Nbc News/Maristz poll, il magnate guida con il 54%, contro il 21% del governatore dell'Ohio John Kasich e il 18% del senatore del Texas Ted Cruz, mentre l'ex segretario di Stato conduce 55% a 41% contro il senatore Bernie Sanders.

Per i due favoriti è una occasione di riscatto e di rilancio dopo le recenti sconfitte. Il tycoon supera i rivali almeno 2 a 1 in quasi tutti i gruppi demografici dell'elettorato di New York, tra cui le donne, i laureati e religiosi praticanti, mentre l'ex first lady appare forte tra le donne, gli afro-americani e i democratici dai 45 anni in su.

Dal sondaggio arriva un campanello d'allarme di fronte all'ipotesi di una 'convention aperta', dove cioè nessuno dei candidati arriva con la maggioranza dei delegati: il 64% dei votanti repubblicani pensa che il partito dovrebbe nominare Trump se avrà più delegati dei suoi rivali e la maggioranza si opporrebbe a qualsiasi sforzo per incoronare qualcuno che non ha partecipato alle primarie.

Una doccia fredda per lo speaker della Camera Paul Ryan, che secondo i media starebbe conducendo una campagna ombra parallela per proporsi come candidato di unità in caso di caos alla convention.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS