Navigation

Usa 2020: nasce comitato per Michelle vicepresidente

Michelle Obama KEYSTONE/AP/Hau Dinh sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 05 maggio 2020 - 18:44
(Keystone-ATS)

"Draft Michelle Obama", scegliere Michelle Obama: e' il nome del nuovo comitato elettorale nato per spingere Joe Biden a puntare sull'ex first lady per il ticket presidenziale, convincendo l'ex inquilina della Casa Bianca ad accettare la candidatura a vicepresidente.

Una candidatura finora sempre esclusa in maniera categorica dalla diretta interessata che, anche nel documentario in uscita nelle prossime ore e tratto dal suo libro 'Becoming', conferma di non essere interessata ad alcuna carica politica.

Ma i promotori del nuovo comitato, registratosi presso la Federal Eelection Commission e promosso da alcuni ricchi finanziatori del partito democratico, ci credono. E non si arrendono all'idea degli Obama oramai relegati dietro le quinte della politica che conta. "Stiamo lavorando per costruire un forte sostegno nell'elettorato a favore di una potenziale candidatura di Michelle Obama, la donna più ammirata d'America", sottolineano i promotori del gruppo, assicurando come l'ex first lady "sarà un asset fondamentale" per permettere a Joe Biden di battere Donald Trump.

Il candidato democratico, la cui campagna elettorale è al lavoro per individuare la candidata giusta in una rosa di una decina di nomi, in passato non ha negato di aver pensato a Michelle come compagna di avventura. Pur riconoscendo come sia improbabile riuscire a convincere l'ex first lady. Biden non può sbagliare, sa che la scelta della sua vice sara' fondamentale per le sue chance di vittoria, soprattutto in un momento in cui una parte dei dem starebbe lavorando a un piano B con la suggestiva ipotesi di una discesa in campo di Andrew Cuomo, o quella ancor più clamorosa di un ticket Hillary Clinton-Barack Obama.

Della rosa al vaglio di Biden fanno parte, tra le altre, le senatrici Kamala Harris, Amy Klobuchar ed Elizabeth Warren, e l'ex candidata a governatrice della Georgia Stacey Adams.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.