Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il presidente iraniano Hassan Rohani.

Keystone/AP/EBRAHIM NOROOZI

(sda-ats)

Usa, Ue, Regno Unito, Germania e Francia incoraggiano gli investimenti ed il commercio con l'Iran dopo la cancellazione delle sanzioni per l'accordo sul nucleare ed invitano banche ed imprese a "prendere contatti con i governi per i chiarimenti necessari".

È scritto nella dichiarazione comune pubblicata dopo l'incontro a cinque di ieri sera a Bruxelles tra John Kerry, Federica Mogherini ed i ministri degli esteri di Francia, Germania e Gran Bretagna: "È interesse nostro e della comunità internazionale assicurare che il Jcpoa (il piano d'azione legato all'accordo sul nucleare, ndr) funzioni per tutti, compreso dare benefici al popolo iraniano. Questo comprende il rinnovato impegno delle banche e delle imprese europee in Iran".

I cinque aggiungono che "la Ue e gli stati membri stanno esplorando possibili aree di cooperazione con l'Iran, compreso l'esportazione di crediti per facilitare il commercio, il finanziamento di progetti e gli investimenti con l'Iran". A Teheran viene chiesto di "creare le condizioni" per evitare le titubanze di banche e multinazionali.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS