Navigation

USAM: lancia campagna contro turismo acquisti

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 aprile 2012 - 12:15
(Keystone-ATS)

L'Unione svizzera delle arti e mestieri (USAM) ha lanciato oggi una campagna contro il cosiddetto turismo degli acquisti. Nel 2011 la forza del franco ha spinto i consumatori svizzeri a comperare all'estero per un ammontare stimato a 5 miliardi di franchi, rammenta l'organizzazione in una nota.

Le conseguenze economiche sono già percettibili e non solo nelle regioni di frontiera. I comparti maggiormente colpiti sono il commercio al dettaglio, l'artigianato, il turismo e la ristorazione. Se non si combatte tale evoluzione, la contrazione massiccia del fatturato di tali rami porterà inevitabilmente a una pesante perdita di posti di lavoro e di apprendistato, si legge nel comunicato.

L'USAM intende sensibilizzare la popolazione sui molteplici benefici generati dagli acquisti fatti in Svizzera. Da un lato saranno pubblicate inserzioni in giornali e apposti cartelloni nei centri nevralgici del traffico.

Dall'altro l'USAM invita le piccole e medie imprese a partecipare attivamente alla campagna con manifesti nei propri spazi di vendita, nelle hall o negli atelier: un modo - spiega l'USAM - per rivolgersi direttamente ai loro clienti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?