Navigation

USAM: tagliare sovvenzioni a fondazione protezione consumatori

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 aprile 2012 - 14:53
(Keystone-ATS)

L'Unione svizzera delle arti e mestieri (USAM) non ha digerito il fatto che la Fondazione svizzerotedesca per la protezione dei consumatori (SKS) abbia pubblicato un opuscolo di consigli per fare acquisti all'estero. L'associazione, che raggruppa le piccole e medie imprese, vuole fare in modo che la SKS non riceva più sussidi da Berna.

"Posso sin d'ora garantire che questa estate presenteremo una proposta per esigere la soppressione" dei fondi federali, ha affermato il direttore dell'USAM, Hans-Ulrich Bigler, in un'intervista pubblicata oggi dalla "Zentralschweiz am Sonntag".

L'opuscolo della SKS - intitolato "Dogana, tasse, ecc: fare acquisti senza frontiere" - illustra "un pensiero semplicistico e a corto termine", secondo Bigler. "In questo contesto è scandaloso che la SKS sia sovvenzionata dalla Confederazione nella misura di 250'000 franchi all'anno", ha aggiunto. A metà aprile l'USAM ha lanciato una campagna contro la spesa all'estero.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?