Navigation

USS: servono regole per l'Home Office

Secondo l'USS servono regole più chiare riguardo al lavoro da casa. KEYSTONE/APA/APA/BARBARA GINDL sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 23 ottobre 2020 - 14:31
(Keystone-ATS)

L'Unione sindacale svizzera (USS) chiede adeguamenti di legge per regolamentare il lavoro in Home Office, sempre più utilizzato. La protezione dei lavoratori, anche quando si è attivi da casa, deve essere garantita.

A differenza di altri Paesi in Svizzera, si legge in un comunicato odierno dell'organizzazione, ci sono lacune normative sulla questione. Proprio per questo è necessaria una modernizzazione e un ampliamento delle regole.

Punti dolenti, secondo l'USS, sono le parti riguardanti la protezione della salute o il materiale d'ufficio. Oltretutto agli ispettori del lavoro dovrebbe essere fornito un elenco di tutte le persone che lavorano da casa.

A livello contrattuale, sopratutto nei contratti collettivi di lavoro, dovrebbe poi essere specificato che il telelavoro è volontario e che l'azienda mette a disposizione degli spazi lavorativi. Inoltre, lo scambio e i contatti sociali vanno garantiti. Anche orari e raggiungibilità devono essere regolamentati.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.