Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'Unione sindacale svizzera (USS), nel corso dell'assemblea dei delegati tenutasi oggi a Berna, ha chiesto una serie di "misure immediate per assicurare stipendi e posti di lavoro".

Il sindacato ha insistito sulla necessità di reintrodurre una soglia minima di cambio o un obiettivo di corso per il franco.

Dall'abbandono del tasso minimo di cambio franco-euro - il 15 gennaio 2015 - la situazione dei salariati in Svizzera è nettamente peggiorata, indica oggi in un comunicato l'USS. Le pressioni esercitate su stipendi, condizioni di lavoro e impieghi sono aumentate.

È spaventoso vedere come l'argomentazione della sopravvalutazione del franco sia utilizzata a scapito dei dipendenti, da parte dei datori di lavoro e dai partiti borghesi rappresentati in Consiglio federale.

Oltre a una soglia minima di cambio per il franco, i delegati dell'USS chiedono maggiori controlli degli stipendi soprattutto nelle regioni di confine.

In caso di infrazione salariale, dovrebbe essere possibile infliggere multe più elevate. E in presenza di chiari casi di dumping salariale i controllori dovrebbero ordinare sistematicamente e rapidamente l'interruzione delle attività dell'impresa, si legge nella nota.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS