Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Gli svizzeri mettono al mondo il primo figlio sempre più tardi. Le nascite avvengono inoltre sempre più spesso al di fuori del matrimonio. Sono queste alcune tendenze emerse dalla statistica del movimento naturale della popolazione nel 2011, pubblicata oggi.

Nel 2011 sono nati in Svizzera 80'800 bambini, facendo segnare un incremento dello 0,6% (+500) rispetto all'anno precedente, indica l'Ufficio federale di statistica (UST) in una nota odierna. In Ticino le nascite sono state 2949 (2953 nel 2010), mentre nei Grigioni 1724 (1602).

Dal 2001, continua l'UST, tra le donne 25-29enni le nascite sono diminuite del 2% e in maniera decisamente più netta tra quelle con meno di 25 anni (-16%). Sono invece cresciute tra le donne dai 35 anni in su, il cui numero è addirittura raddoppiato dal 2001. Se nel 2001 l'età media delle madri alla nascita del primo figlio era 28,9, nel 2011 si è spostata a 30,4.

Per la prima volta dal 2001, lo scorso anno il numero medio di figli per donna è diminuito, passando da 1,54 nel 2010 a 1,52. Sono le donne straniere a mettere al mondo più figli: 1,84 in media nel 2011 contro 1,42 per le svizzere.

Dalla statistica emerge inoltre che continuano a crescere le nascite fuori dal matrimonio: sono salite a 15'600 nel 2011, in aumento del 4,4% rispetto al 2010. Rispetto alla media dell'Unione europea (37% nel 2010), il tasso rimane tuttavia relativamente basso, rileva l'UST. Parallelamente cresce il numero di riconoscimenti di paternità, passati da 15'000 nel 2010 a 15'700, segnando un incremento del 4,3%.

Continua a calare invece il numero di matrimoni - nel 2011 si sono sposate 42'100 coppie, rispetto alle 43'300 dell'anno precedente (-2,7%) - mentre il dato sui divorzi, viziato però da una diversa assunzione dei dati, segna una flessione del 20% (22'100 nel 2010 a 17'600 nel 2011). In Svizzera, spiegano gli autori dello studio, il numero maggiore di divorzi avviene verso il sesto anno di matrimonio.

Da un decennio nel nostro Paese si contano da 60'200 a 63'100 decessi l'anno. Il 2011 non fa eccezione, poiché sono stati registrati 62'100 decessi, con un leggero calo - pari allo 0,9% - rispetto al 2010. Migliora la speranza di vita alla nascita, che per gli uomini passa da 80,1 anni nel 2010 a 80,3 anni, mentre per le donne raggiunge 84,7 anni (2010: 84,5). Lo scarto tra i due sessi si riduce così ulteriormente: nel 2001 era di 5,7 anni, nel 2011 di soli 4,4 anni.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS