Navigation

UST: nel 2019 più omicidi domestici, soprattutto di bambini

UST: nel 2019 più omicidi domestici (foto d'archivio) KEYSTONE/CHRISTIAN MERZ sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 23 marzo 2020 - 11:05
(Keystone-ATS)

L'anno scorso le polizie svizzere hanno registrato 29 omicidi in seguito a violenza domestica, a fronte di una media annua di 25 dal 2009. In particolare, 14 delle vittime erano donne e 9 bambini. Per questi ultimi si tratta di un record.

Secondo i risultati presentati oggi dall'Ufficio federale di statistica (UST) il numero globale di omicidi è invece rimasto stabile, a 46. Nel 2019, la percentuale degli atti di violenza grave rispetto al totale dei reati violenti è cresciuta leggermente, a quota 3,4% (1531 reati) a fronte del 3,3% dell'anno prima (1425 reati). La stra gran parte è composta da due: lesioni personali gravi (637) e violenza carnale (679), precisa l'UST. Nel complesso, nel 2019 i reati violenti registrati dalla polizia ogni 1000 abitanti sono passati dal 5,2‰ del 2018 al 5,3‰.

Sono invece decisamente diminuiti i furti con scasso (36'419), calati del 6,3% rispetto al 2018. La cifra si è dimezzata rispetto a quella registrata nel 2012 (73'700), anno con il maggior numero di furti con scasso dalla revisione della statistica criminale di polizia (SCP) nel 2009.

I furti di biciclette, in totale 37'463, sono aumentati dell’1,5% rispetto all’anno precedente. L'incremento è dovuto all'esplosione del numero di bici elettriche rubate, che è salito a 4423, ossia una volta e mezzo in più rispetto al 2018.

L'anno scorso sono poi stati denunciati 17'606 reati di truffa, il maggior numero dal 2009. Rispetto al 2018 l’aumento è dell’8%, ma in confronto al 2009 il numero di truffe è più che raddoppiato (+125%). Secondo l'UST il fenomeno è probabilmente legato alla criminalità digitale, la cui prima pubblicazione della statistica è prevista per il 2021.

Comunque, nel 2019 il numero totale dei reati registrati dalla polizia è diminuito sia per il Codice penale (CP) che per la legge sugli stupefacenti (LStup) e quella sugli stranieri e la loro integrazione (LStrI), rispettivamente dello 0,2%, dello 0,7% e del 3,6 %.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.