Navigation

UST: quota di persone obese si è stabilizzata

Stando a un'indagine dell'UST, la quota di obesi si è stabilizzata negli ultimi anni in Svizzera (foto d'archivio) KEYSTONE/AP/KIRSTY WIGGLESWORTH sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 03 settembre 2020 - 14:36
(Keystone-ATS)

Sebbene la quota delle persone obese sia più che raddoppiata in Svizzera dal 1992, la situazione si è stabilizzata negli ultimi anni. È quanto emerge dall'indagine sulla salute 2017 dell'Ufficio federale della statistica (UST) pubblicata oggi.

Nel 2017, l'11% della popolazione era affetto da obesità, mentre 25 anni prima tale quota era del 5%. I tassi di crescita sono stati molto elevati soprattutto tra il 1992 e il 2002, per poi stabilizzarsi negli ultimi anni, precisa l'UST. Le persone in sovrappeso rappresentavano invece il 31% nel 2017.

Il sesso e l'età giocano un ruolo importante nell'apparizione di un eccesso di peso. Gli uomini (51%) sono maggiormente toccati dal problema rispetto alle donne (33%). Il sovrappeso si sviluppa pure con l'avanzare dell'età, toccando soprattutto la fascia tra i 65 e i 74 anni. Ma la metà degli uomini in sovrappeso o obesi lo sono già a partire dai 35 anni.

Anche il livello di formazione può avere delle ripercussioni sul fenomeno: rispetto alle donne con un'istruzione terziaria, quelle con un livello basso formativo corrono 3,5 volte di più il rischio di sviluppare obesità e 1,9 volte quello di essere in sovrappeso.

Stando alla statistica, è possibile individuare anche altre correlazioni, in particolare con la salute psichica. Rispetto alle persone di peso normale, quelle obese presentano più spesso sintomi depressivi (12 contro 8%) e sofferenza psicologica (19 contro 15%), e generalmente hanno un sostegno sociale minore su cui poter contare (14 contro 8%).

Tuttavia, tra il 2007 e il 2017, la società si è fatta più tollerante verso le persone in sovrappeso rispetto al passato, rileva ancora l'UST.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.