Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Mai gridare, quando ci si trova su un pendio innevato, perché si rischia di provocare il distacco di una valanga: quella che per molti escursionisti rappresenta una sorta di regola dettata da un sano buon senso e tramandata dalla tradizione non è altro che un mito, secondo uno studio dell'Istituto federale per lo studio della neve e delle valanghe (SNV).

La credenza che le slavine possano essere scatenate dai rumori è ben radicata ed è presente già nei libri specializzati degli anni '30. Presso il SNV il tema è oggetto spesso di domande, da parte di giornalisti o di privati, cosicché l'istituto ha deciso di vederci chiaro una volta per tutte, ha spiegato Jürg Schweizer confermando una notizia diffusa dal quotidiano friburghese "La Liberté".

Lo stesso Schweizer e un suo collaboratore, Benjamin Reuter, hanno quindi avviato una ricerca approfondita per paragonare l'impatto di differenti fonti sonore su un manto nevoso instabile. I calcoli mostrano che l'onda sonora provocata da grida umane non supera un valore di circa 2 pascal: molto poco, visto che per scatenare una valanga è necessaria una pressione di almeno 200-500 pascal.

Anche il rumore di un elicottero che atterra non è sufficiente: i pascal salgono in questo caso solo fino a 10. È invece possibile che la neve si metta in movimento quando il velivolo tocca il manto bianco o come conseguenza della pressione dell'aria spostata dal rotore.

Un aereo in partenza provoca con il rumore, a una distanza di circa 60 metri, circa 20 pascal: dieci volte in meno del necessario per un distacco. La questione si fa più critica nel caso di un sorvolo di un jet supersonico: secondo una ricerca francese il bang provocato dal superamento del suono sopra le montagne genera 200-500 pascal ancora 900 metri sotto il velivolo, vale a dire esattamente la soglia critica. E in effetti quando il rischio di slavine è elevato l'aeronautica militare elvetica rinuncia ai voli supersonici, precisa Schweizer.

Conclusione: il pericolo maggiore è rappresentato dal peso degli escursionisti, con o senza gli sci: quando attraversano un pendio innevato provocano pressioni comprese fra 200 e 1200 pascal, è stato calcolato dallo stesso Schweizer in uno studio precedente. Si raggiungono quindi valori vicini a quelli misurati durante un distacco artificiale con uso di esplosivi, vale a dire 1500 pascal.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS