Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il consigliere nazionale Marco Romano (PPD/TI) ha sollecitato il Consiglio federale sulla criminalità transfrontaliera.

KEYSTONE/GAETAN BALLY

(sda-ats)

Non tutti i valichi ticinesi sensibili sono già dotati con telecamere di identificazione.

È quanto si evince dalla risposta del Consiglio federale a una domanda del consigliere nazionale Marco Romano (PPD/TI), preoccupato per l'aumento della criminalità transfrontaliera.

Nella sua risposta, alquanto generica, al quesito del deputato ticinese, il governo sostiene che il progetto di dotare i posti di frontiera nevralgici - ossia quelli dove la minaccia di passatori e criminali è più acuta - con telecamere in grado di identificare veicoli e sorvegliare il traffico è tutt'ora in corso, benché il progetto abbia preso avvio nel 2005.

In Ticino, l'installazione di questi apparecchi nei valichi sensibili è comunque stata in buona parte realizzata. Nella sua risposta, l'esecutivo rammenta che al Corpo della guardie di confine sono stati promessi otto posti supplementari per la lotta al terrorismo e alla criminalità a cavallo della frontaliera; queste persone potranno essere impiegate anche per l'analisi delle immagini registrate dalle telecamere.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS