Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Valora, gruppo basilese attivo nel commercio al dettaglio e nella distribuzione, è scivolato nel 2015 nelle cifre rosse con una perdita netta di 28,2 milioni di franchi, a fronte di un utile di 6,3 milioni l'anno precedente.

La cessione della divisione Trade, lo scorso anno, ha provocato un impatto negativo per 75 milioni, che ha pesato sui conti aziendali. Il consiglio di amministrazione propone comunque di lasciare il dividendo invariato a 12,50 franchi per azione.

Il fatturato si è attestato a 2,08 miliardi di franchi, in progressione del 7,5%, indica oggi la società. In valute locali la crescita è stata del 12,1%. L'aumento del volume d'affari si deve all'acquisizione della rete romanda di chioschi Naville, alle vendite al dettaglio in Germania e Lussemburgo, ma anche alla performance dei marchi Ditsch/Brezelkönig. In termini organici i volumi si sono contratti dello 0,9%.

L'utile Ebit è salito dell'81% a 55,1 milioni di franchi. Tutte le attività hanno contribuito al risultato operativo. Il gruppo indica anche che l'integrazione di Naville procede secondo programma: le sinergie dovrebbero produrre i primi effetti già quest'anno.

Per l'esercizio in corso Valora punta a un risultato Ebit compreso in una forbice tra 65 e 70 milioni di franchi, su un fatturato che nei prossimi anni dovrebbe crescere fino al 3%.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS