Navigation

Varese: scoperto traffico copertoni usati svizzeri da smaltire

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 gennaio 2012 - 15:17
(Keystone-ATS)

Un traffico di copertoni usati provenienti dalla Svizzera e smaltiti abusivamente in Italia è stato scoperto ieri dalla Guardia di Finanza della Compagnia di Gaggiolo. Tre persone, uno spagnolo e due ecuadoregni, sono state fermate con l'accusa di traffico internazionale di rifiuti e stoccaggio in area non autorizzata. La notizia è stata confermata all'ats dal capitano Leonardo Milone, comandante della Compagnia delle "Fiamme gialle" del Gaggiolo.

Milone ha precisato che i fatti si sono svolti nei pressi del valico di Clivio (Varese): i finanzieri hanno fermato per un controllo un furgone proveniente dal Canton Ticino con a bordo tre persone. Il carico - numerosi pneumatici usati - è subito apparso sospetto in quanto non era accompagnato dallo specifico formulario di identificazione.

Dai primi accertamenti è emerso che le gomme venivano ritirate in Svizzera e trasportate clandestinamente in Italia per poi essere abbandonate in discariche non autorizzate o smaltite illegalmente. I finanzieri hanno poi individuato il luogo di destinazione e di stoccaggio: si tratta di un box e un terreno adiacente a Gallarate, dove hanno rinvenuto centinaia di altri copertoni esausti, in attesa di essere poi "smaltiti" a costo zero.

I tre stranieri sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Varese per traffico internazionale di rifiuti e stoccaggio in area non autorizzata. Ora - ha aggiunto Milone - l'inchiesta dovrà stabilire chi abbia organizzato in Ticino la raccolta dei copertoni.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?