Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un'intesa sul testo e la prossima firma di un accordo globale tra Santa Sede e Stato di Palestina. Sono gli annunci diffusi oggi al termine della riunione plenaria della Commissione bilaterale.

"La Commissione ha concluso il suo lavoro - ha spiegato padre Federico Lombardi -. C'è un testo che verrà presentato alle autorità e sarà stabilita la data della firma".

"L'intesa - spiega all'Osservatore Romano monsignor Antoine Camilleri, sottosegretario per i Rapporti con gli Stati e capo delegazione della Santa Sede - è frutto dell'accordo base tra la Santa Sede e l'Organizzazione per la liberazione della Palestina (Olp), firmato il 15 febbraio 2000. I rapporti ufficiali tra la Santa Sede e l'Olp furono stabiliti il 26 ottobre 1994 e in seguito fu costituita una commissione bilaterale permanente di lavoro che portò avanti i negoziati per l'accordo del 2000". Esso "elenca tra l'altro diverse questioni riguardanti la vita della Chiesa e altre materie di comune interesse".

Nell'accordo base era previsto che la commissione proseguisse i suoi lavori e proponesse il modo di sviluppare i temi affrontati, "compito che è stato svolto con continuità solo dopo il pellegrinaggio di Benedetto XVI in terra Santa nel 2009". I negoziati ripresi nel 2010 hanno quindi portato all'elaborazione dell'accordo attuale, che ha come scopo di completare quello firmato nel 2000. "Come tutti gli accordi che la Santa Sede firma con diversi Stati - spiega ancora mons. Camilleri -, quello attuale ha lo scopo di favorire la vita e l'attività della Chiesa cattolica e il suo riconoscimento a livello giuridico anche per un suo più efficace servizio alla società".

Il testo ha un preambolo e un primo capitolo sui principi e le norme fondamentali che sono la cornice in cui si svolge la collaborazione tra le parti. "In essi si esprime, ad esempio, l'auspicio per una soluzione della questione palestinese e del conflitto tra israeliani e palestinesi nell'ambito della Two-State Solution e delle risoluzioni della comunità internazionale, rinviando a un'intesa tra le parti", fa sapere il capo delegazione vaticano.

Segue un secondo importante capitolo sulla libertà religiosa e di coscienza, "molto elaborato e dettagliato". Ci sono poi altri capitoli su diversi aspetti della vita e dell'attività della Chiesa nei Territori palestinesi: la sua libertà di azione, il suo personale e la sua giurisdizione, lo statuto personale, i luoghi di culto, l'attività sociale e caritativa, i mezzi di comunicazione sociale. Un capitolo è infine dedicato alle questioni fiscali e di proprietà.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS