Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

LOSANNA - Il Gran consiglio vodese ha convalidato oggi - in terza lettura e con un solo voto di maggioranza - la nuova iniziativa di Franz Weber, intitolata "Sauver Lavaux". La questione della costituzionalità del testo potrebbe ora essere sottoposta alla Corte costituzionale vodese.
Convalidata in prima lettura, invalidata alla seconda, l'iniziativa ha superato definitivamente lo scoglio del parlamento oggi, con 68 voti favorevoli a 67 contrari. Il testo è stato sostenuto massicciamente dalla sinistra e dai Verdi, mentre i partiti di centro-destra giudicano l'iniziativa contraria all'autonomia comunale e alla legge vodese sulla sistemazione del territorio.
Terza in ordine di tempo, l'iniziativa "Sauver Lavaux" vuole frenare la proliferazione di costruzioni nel vigneto iscritto al Patrimonio mondiale dell'UNESCO. Concretamente, il testo vieta totalmente la costruzione di nuovi stabili nei villaggi del vigneto, mentre autorizzerebbe a determinate condizioni l'edificazione di parcheggi e la ricostruzione di edifici demoliti.
Esprimendo la propria soddisfazione, Franz Weber si rammarica per il fatto che un ricorso contro l'iniziativa sia già annunciato presso la Corte costituzionale vodese. Depositata nel luglio 2009, la proposta ha riunito 20'075 firme, mentre ne erano necessarie 12'000.

SDA-ATS