Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Una violenta aggressione avvenuta ieri pomeriggio a Yverdon-les-Bains (VD) ha causato la morte di due persone, una sul posto, l'altra deceduta durante la notte all'ospedale. Uno svizzero di 25 anni ha riconosciuto di essere l'aggressore.

Il giovane, che ha evocato "problemi di vicinato", è domiciliato nella stessa casa dove è avvenuto il dramma, ha indicato oggi la polizia cantonale vodese in una nota, precisando che le due vittime sono un uomo e una donna. Il primo, trovato morto dagli agenti intervenuti verso le 17.30 dopo l'aggressione, è uno svizzero di 39 anni, la seconda una francese pure di 39 anni. La donna, rimasta gravemente ferita, è deceduta nell'ospedale della cittadina sul lago di Neuchâtel.

Il fatto di sangue è avvenuto nell'appartamento di quest'ultima. Il 25enne aggressore, che ha utilizzato un'"arma bianca" non meglio precisata, è stato arrestato poco dopo nello stabile. L'inchiesta è tuttora in corso per stabilire le cause e le circostanze precise del dramma, aggiunge la polizia vodese.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS