Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I difensori di Claude D. hanno contestato la condanna all'ergastolo e all'internamento a vita inflitti la scorsa settimana al loro assistito, riconosciuto colpevole dell'assassinio della 19enne Marie nel maggio 2013 vicino a Payerne (VD).

L'annuncio dell'appello è stato inviato questa settimana, indica l'avvocatessa ginevrina Yaël Hayat oggi all'ats. I difensori devono ora aspettare le motivazioni della sentenza del Tribunale della Broye, resa il 24 marzo a Renens. Disporranno in seguito di 20 giorni per fare appello.

La difesa di Claude D. aveva fatto sapere a conclusione del processo che avrebbe contestato la condanna inflitta al 39enne friburghese. Aveva denunciato una sentenza "inaccettabile, una decisione populista che mira a soddisfare l'opinione pubblica" contraria alla Convenzione europea dei diritti dell'uomo. Se necessario - avevano precisato - "la lotta continuerà fino a Strasburgo".

Claude D. ha conosciuto Marie quando stava espiando con un braccialetto elettronico una condanna a 20 anni di reclusione inflittagli per aver ucciso la sua ex compagna a colpi di pistola. Il 13 maggio 2013 costrinse la ragazza a salire sulla sua automobile e la portò in un bosco di Torny-Le-Grand (FR), vicino a Payerne, dove la strangolò. L'uomo venne arrestato il giorno seguente dopo un inseguimento da parte della polizia.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS