Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Sono fallite le trattative per trovare un piano sociale in favore dei circa 200 dipendenti che la banca Lloyds, con sede a Eysins (VD), intende licenziare in seguito all'acquisizione di alcune sue attività da parte dell'Union Bancaire Privée (UBP). Lo indica stasera l'Associazione svizzera degli impiegati di banca (ASIB), incaricata di rappresentare i dipendenti.

In comunicati distinti diramati al termine dell'incontro odierno, i due istituti bancari e l'ASIB si accusano a vicenda del fallimento dei negoziati.

La direzione della banca Lloyds aveva annunciato una settimana fa l'intenzione di tagliare 200 dei 350 posti di lavoro: i primi licenziamenti, che riguardano in particolare il back-office, non sono previsti prima di novembre.

I dipendenti avevano subito chiesto un migliore piano sociale, in particolare per le fasce di salario più basse e per i più anziani, minacciando di scioperare in caso di risposta negativa da parte della direzione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS