Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I migranti che fino a ieri occupavano il giardino dello "sleep-in", una struttura destinata ai senzatetto, di Renens (VD) si sono trasferiti in un edificio scolastico in disuso situato a Losanna. Le autorità del capoluogo vodese hanno presentato denuncia penale.

"Siamo stati posti davanti al fatto compiuto. I lavori di trasformazione dello stabile in una struttura di accoglienza per l'infanzia sono incominciati la scorsa settimana", indica all'ats il municipale Oscar Tosato, annunciando l'inoltro di una denuncia penale per violazione di domicilio.

Il Comune - precisa - "non tollererà l'occupazione". Sul fondo della questione, il municipale socialista riconosce "l'esistenza di un nesso con i flussi migratori attraverso il Mediterraneo o nei Balcani". Tosato si rammarica peraltro che i migranti non abbiano accettato, come consigliato loro dalla Città, di recarsi presso il Servizio cantonale della popolazione, "affinché la loro situazione sia esaminata individualmente".

"Città conosciuta per la sua umanità, Losanna è posta sotto pressione", ammette. "Per disperazione, queste persone si rivolgono ad un'autorità comunale che non dispone di competenze in materia di rilascio di documenti, a cui non spetta nemmeno il compito di fornire il vitto e l'alloggio alle persone la cui domanda d'asilo è stata rifiutata o che potrebbero essere ospitate nei centri cantonali".

Con l'occupazione dell'edificio scolastico, il collettivo di sostegno ai migranti vuole dal canto suo "rendere visibile la loro situazione", spiega un membro. In seguito al divieto di accedere al giardino dello "sleep-in", "queste persone vagheranno alla ricerca di un rifugio nei parcheggi o alle fermate dell'autobus. Rifiutiamo questo modo solitario e sotterraneo di ricerca di un tetto", precisa.

Secondo il collettivo, nello stabile scolastico in disuso si sono insediate una sessantina di persone, in maggioranza migranti e rifugiati. Il collettivo spera che la Città tolleri l'occupazione, oppure che metta a disposizione altri edifici.

A inizio agosto, le autorità di Losanna e di Renens avevano intimato all'associazione responsabile dello "sleep-in" di evacuare il giardino, nel quale da settimane si accampavano una cinquantina di persone.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS