Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Partito liberale radicale (PLR) vodese ha deciso stasera di proporre un ticket UDC-Verdi liberali per il secondo turno elettorale per il Consiglio di Stato, in programma il 21 maggio.

È il solo modo di trovare i 10'000 voti che mancano per riconquistare un seggio e la maggioranza di governo, ha dichiarato il presidente del PLR cantonale Frédéric Borloz a Yerdon-les-Bains, dove si è tenuto il congresso del partito. I delegati hanno approvato la scelta a grande maggioranza: fra i 274 presenti ci sono state solo due opposizioni e tre astensioni.

Cinque dei sei "ministri" uscenti - tre liberali radicali e due socialisti - sono stati rieletti ieri in occasione del rinnovo del Consiglio di Stato vodese di sette membri. La posta in gioco il 21 maggio sarà la maggioranza - attualmente di sinistra - nell'esecutivo vodese.

Non ha invece superato la soglia del 50% dei suffragi richiesti la Verde uscente Béatrice Métraux (48%). Al settimo posto con il 43,5% dei voti si è classificata la consigliera nazionale socialista Cesla Amarelle, che punta ad occupare il seggio liberato dalla collega di partito Anne-Catherine Lyon. La segue con il 40,3% il consigliere nazionale dell'UDC Jacques Nicolet, il cui partito ha stretto un'alleanza con il PLR, con l'obiettivo di rovesciare la maggioranza rosso-verde in governo.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS