Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La polizia vodese è intervenuta in forze oggi a Vevey (VD) in seguito alle minacce proferite da un cinquantenne contro un ufficiale giudiziario incaricato di verificare il contatore del gas. L'uomo, un cittadino svizzero, è stato arrestato poco dopo le 13 e ricoverato in ospedale.

La vicenda ha avuto inizio questa mattina quando l'inquilino ha rifiutato di aprire la porta all'ufficiale e all'impiegato del gas che lo accompagnava, minacciandoli di ricorrere ad un'arma da fuoco. Sul posto sono affluite numerose pattuglie della regione, i pompieri, nonché gli agenti del distaccamento delle forze speciali (DARD) della polizia cantonale.

Alle 13:15 - riferisce la polizia vodese in un comunicato - gli uomini dell'unità d'intervento sono penetrati con la forza nell'abitazione e hanno arrestato l'inquilino, che non ha opposto resistenza. Visitato da un medico, il 55enne è stato ricoverato in un ospedale psichiatrico. Nell'abitazione non sono state rinvenute armi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS